Lavoro

Come Guadagnare con Web Marketing

niziare ad operare nel mondo del Web Marketing è facile, ma non tutti vogliono davvero fare il grande salto ed iniziare a trattare questa attività in maniera professionale. Ma cosa fare se si vuole iniziare a fare le cose seriamente? Come fare a capire che si vuole trasformare una passione in lavoro?

Decidere se fare carriera nel Web Marketing

Chi voglio essere fra 3 anni?
Questa è la prima domanda da porsi: professionalmente come voglio essere identificato dagli altri? Sarò un consulente o preferisco occuparmi della realizzazione di siti e landing page per i programmi d’affiliazione? Oppure voglio vendere ebook ed infoprodotti? O magari non voglio essere riconosciuto come una figura professionale che opera nel Web Marketing. 3 anni sono pochi, ed è il tempo minimo necessario per riuscire a stabilirsi. Quando si lavora a tempo pieno il tempo scorre velocemente. Pensiamo a chi vogliamo diventare per capire se e quale direzione prendere.
Quali sono i miei punti di forza?
Ognuno di noi ha delle forze e debolezze, e spesso conviene puntare sulle proprie forze piuttosto che cercare di colmare le debolezze. Infatti se non siamo bravi in qualcosa è meglio assumere qualcuno che intervenga al posto nostro. Quando parlo di forze intendo le vere e proprie abilità. Per esempio una persona potrebbe essere brava a scrivere una landing page, ottimizzare sotto il profilo SEO e comunicare personalmente con le persone, ma sentirsi poco adatta a creare una campagna di Link Building. Allora sarà meglio rivolgerci a terzi, più portati di noi, che facciano il lavoro al posto nostro. Cerchiamo di capire su quali abilità puntare per il successo nel Web Marketing.
Quanto in alto posso puntare?
Pensare in grande è un comportamento positivo, se fatto in maniera realistica.
È facile immaginare di diventare importantissimi, ma è difficile crederlo veramente.
Nel Web Marketing nessuno ci bacchetta per farci lavorare, o ci dice cosa fare: tutto viene dalla nostra mente. Se ci svalutiamo, e non capiamo dove possiamo arrivare finiremo col demotivarci e quindi finiremo col non fare nulla o fare male. Così come se spendiamo il nostro tempo a progettare l’impossibile, in cui crediamo poco, finiamo col non portare a termine nulla di concreto.

Il primo anno è l’anno più difficile, infatti come per qualsiasi impresa è il momento in cui le possibilità di fallire sono più alte. Questo aspetto negativo può essere limitato pianificando le azioni da intraprendere, creando cioè un business plan e seguendolo. Su internet potete trovare molti articoli che spiegano come costruire un business plan, ma c’è un po’ di differenza con il mondo del Web: da noi le cose cambiano rapidamente, e dati i bassi costi di inserimento non è una cattiva idea non essere troppo dettagliati. Cosa scrivere nel business plan? Io farei così.

Calcolare le spese:
Su internet siamo così abituati ai servizi gratuiti che finiamo col dimenticare la semplice regola del “tutto ha un costo”. Costi che graveranno sulle spese legate all’attività di Web Marketing sono numerose, qualche esempio?
Tasse e contributi della pensione
Bollette di luce, telefono e ADSL
Pc e relativi accessori
Spese per pubblicizzare noi stessi (dominio del sito internet, campagne PPC)
Assistenza varia (commercialista, avvocato, programmatori)
Licenze dei software
Per uscirne integri allora sarà opportuno prendere nota di queste potenziali spese e cercare di mettere da parte, per ogni evenienza, anche un po’ di soldi extra, per spese impreviste o investimenti da effettuare immediatamente.

Calcolare quanto vogliamo guadagnare:
Se sappiamo quanto spendiamo capiamo quanto dobbiamo guadagnare per sopravvivere. Poi dobbiamo calcolare quanto vogliamo guadagnare. Perché? Sembra automatico che la risposta sia una cifra esorbitante, ma se riflettiamo possiamo trovare una cifra che sia realisticamente raggiungibile e che ci soddisfi. Quella è la nostra cifra obiettivo. Sapere quanto dobbiamo guadagnare ci permette di capire quanto tempo lavorare ogni giorno: non sempre si è disposti a spendere tempo per studiare e applicarsi nel Web Marketing, dopotutto c’è una vita oltre il lavoro.
Pianificare come guadagnare:
Come faremo a guadagnare? Come faremo a trovare clienti e nuove opportunità?
Nel corso dell’anno imparareremo nuove strategie, tecniche e metodi per migliorarci, ma dobbiamo comunque sapere a cosa lavorare in anticipo.
Per esempio se decidiamo di vendere ebook dobbiamo decidere almeno cosa scrivere, come vendere il prodotto, fissare delle scadenze e portare a termine il lavoro.
Stessa cosa per quanto riguarda siti, landing page, ecc. Questa decisione deve essere riportatata per iscritto, in modo di avere qualcosa di concreto a cui fare riferimento, invece delle vaghe idee in testa del tipo “finirò il sito il prima possibile”.
Ritoccare il piano almeno una volta la settimana:
Piani e calcoli andranno rivisti ed eventualmente ritoccati almeno una volta la settimana. Questo per modificare ciò che è cambiato, aggiungere idee, scoprire a che punto siamo e ricordarci che stiamo lavorando a qualcosa di concreto. Quest’ultima frase è importante: il Web Marketing è un settore dove, molto spesso, i risultati arrivano dopo qualche tempo. Non c’è un riscontro immediato nelle nostre finanze e ciò può distrarci e darci l’illusione che non stiamo facendo nulla di buono. Ma rivedere il piano aiuta: “ah, oggi ho fatto questo perché devo raggiungere quell’obiettivo”, “oggi devo fare questo perché devo raggiungere l’obiettivo”
Fare Web Marketing per davvero
Non è più un hobby:
se volete fare soldi veri nel Web Marketing dovete trattarlo come un vero lavoro, come una vera impresa. Questo vuol dire anche che dovete dirigervi dove c’è un mercato abbordabile. Ostinarsi e faticare in un mercato povero, privo di opportunità, è inutile e vi ruberà le energie: magari come hobby andava bene, ma per un guadagno più serio no. Questo è importante quando decidete di fare il grande passo.
La legge vi tutela e tutela anche i vostri clienti:
Anche il Web è influenzato dalla legislazione. Anche sul web si pagano le tasse. È nostro dovere conoscerle a grandi linee, ed è saggio rivolgersi ad esperti, per consulenze e redazione di documenti importanti (dichiarazione dei redditi, contratti). Questo per tutelare tutti, voi e i vostri clienti, e fare affari in maniera abbastanza tranquilla.
Mettere da parte dei soldi per un avvocato e un commercialista, e sfruttarne le conoscenze, vi aiuterà tantissimo.
Rivolgersi a terzi:
ci si rivolge a terze persone non solo per colmare le nostre lacune, ma anche per essere sostituiti in alcune mansioni, che non ci piacciono o che portano via troppo tempo. Trovare dei validi collaboratori non è facile, quindi una volta individuati è una buona idea cercare di mantenere i contatti.

Molto interessante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *